Mercoledì, 03 Luglio 2019

All’evento Eusalp in programma oggi a Milano il vicepresidente Mario Tonina

“Boostalps 2.0": Economia circolare e crescita sostenibile

Nell'ambito della presidenza italiana Eusalp 2019, incentrata sulla crescita sostenibile e l'economia circolare nell'area alpina, a partire da oggi pomeriggio Milano ospita una due giorni ad alto livello, con un workshop tematico denominato “Boostalps 2.0”. In apertura dell’evento una tavola rotonda, cui ha partecipato il vicepresidente e assessore all’urbanistica, ambiente e cooperazione Mario Tonina, invitato a rappresentare in ambito Eusalp la Provincia di Trento come la prima in Italia per densità di startup innovative e come esempio di territorio che da tempo investe in eco-innovazione.
"Un obiettivo cardine dell'intero sistema Trentino è implementare l'economia circolare della conoscenza" ha detto il vicepresidente Tonina, che ha citato gli Stati generali della Montagna e il Forum della Cultura come esempi di riflessione di Comunità e ri-orientamento delle politiche pubbliche verso un approccio circolare all'economia che guarda al di là del PIL e della tradizionale concezione materialista. "Il Trentino vuole guardare oltre il proprio orizzonte, inserendo nel Programma di Sviluppo Provinciale il tema dello sviluppo sostenibile, della biodiversità e della preservazione delle risorse per le future generazioni" ha detto ancora Tonina.
Sul valore aggiunto della cooperazione in ambito Eusalp il vicepresidente ha lanciato una sfida: pensando alle Olimpiadi 2026 come un obiettivo strategico per la Macroregione alpina si possono aprire nuove prospettive su sport, giovani e innovazione, in vista degli obiettivi dell'Agenda 2030. "Sta a noi cogliere questa occasione unica, per lanciare ad esempio una piattaforma digitale per lo scambio e la divulgazione di buone pratiche, allineandoci alle priorità dell'Unione Europea e dare un nuovo slancio ad Eusalp. Vorrei che quelle del 2026 venissero ricordate come le Olimpiadi sostenibili e che lasciassero sui nostri territori delle prospettive concrete per il futuro" ha concluso Tonina.

L’evento è stato concepito come un dibattito aperto tra istituzioni e rappresentanti del mondo delle imprese, per confrontarsi sulle principali opportunità dell’economia circolare e sulle sinergie da promuovere a livello macroregionale alpino.

Il tema dell’economia circolare è molto ampio: interessa sostanzialmente tutti i settori produttivi, è un ambito chiave per il raggiungimento degli obiettivi delle politiche ambientali e climatiche ed ha molteplici risvolti sociali. Due le chiavi di lettura: l’innovazione e lo sviluppo sostenibile. 

Mario Tonina ha portato le esperienze di Progetto Manifattura, hub tra i più grandi incubatori d'Europa per start up e imprese della green economy, di FBK, "punta di eccellenza del nostro sistema di ricerca", della Fondazione Mach e dei progetti di HIT per studi innovativi e di trasferimento tecnologico e ha citato i bandi di sostegno alle imprese nei settori green, meccatronica, sport-tech e agritech, oltre al bando "Progetti di impresa nel cuore delle Alpi" pensato per dare prospettive all'economia dei piccoli centri di montagna e innescare un processo virtuoso che mantenga i livelli demografici e i servizi nelle valli, per una più diffusa vivacità economica.

Alla tavola rotonda di oggi hanno partecipato, oltre al vicepresidente Tonina, l’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lombardia Alessandro Mattinzoli, il presidente di Sistema Moda Italia Marino Vago, il presidente del Comitato Ambiente Federlegno Arredo Nicola Semeraro, il coordinatore dell’intergruppo per la macroregione alpina del Comitato delle Regioni Franco Iacop e il project leader dell’Università di Friburgo e LIUC dell’Università Cattaneo Michael Kaspar Keller.

Nel corso del dibattito si è parlato delle leve per incoraggiare la ricerca e lo sviluppo di soluzioni, tecnologie e processi innovativi, del valore aggiunto della cooperazione in ambito Eusalp e delle aspettative nella strategia macroregionale, oltre a come rafforzarla per quanto attiene il tema dell’economia circolare. La conferenza di Milano del 3 e 4 luglio, organizzata e promosso da Confindustria Lombardia e Regione Lombardia, oltre ad offrire una panoramica dell'economia circolare, spunti e soluzioni adeguate alla Macroregione alpina, intende riunire attori delle regioni dell'UE più competitive ed avviare una rete tematica nel settore tessile e automobilistico, aprendo nuove opportunità commerciali e di ricerca e sviluppo.

EUSALP è la strategia della macroregione alpina, elaborata per incrementare la cooperazione interregionale che identifica obiettivi e sfide comuni. Riguarda 7 paesi, 5 dei quali sono membri dell’Unione Europea (Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia) e 2 non membri dell’Unione Europea (Liechtenstein e Svizzera), rappresentando un totale di 48 regioni. Alcune sfide specifiche che caratterizzano l’area sono la globalizzazione economica, le tendenze demografiche, il cambiamento climatico, la domanda di energia.

 

Comunicato 1603