Europa

La primavera comincia a Pergine

Lunedì c'è l’avvio ufficiale della “Primavera dell’Europa” (18 - 29 marzo), una serie di appuntamenti in tutta Italia rivolti in particolar modo (ma non in maniera esclusiva) ai giovani che voteranno per la prima volta.

Sei i momenti in programma in Trentino.

Il primo e il più particolare, aperto a tutta la cittadinanza è fissato per venerdì 22 marzo (20.30 auditorium scuole medie “Garbari” a Pergine) con “EUandME”, un’iniziativa realizzata in collaborazione con la Consulta giovani di Pergine Valsugana e con l’Istituto di istruzione “Marie Curie” che vedrà la presentazione “animata” di alcuni progetti europei, alcuni esempi di come l’UE è presente nella nostra vita di tutti i giorni, lo spettacolo “L’Europa di Jack” che illustra le opportunità di mobilità in Europa e il coinvolgimento del pubblico nel “costruire” il proprio bilancio dell’Unione europea.

Lo stesso giorno vedrà la conclusione della seconda fase di “176 volte Europa”, con la designazione dei 21 progetti europei, realizzati in altrettanti Comuni trentini, che accederanno al terzo turno dal qual usciranno i sette progetti finalisti che saranno presentati l’11 maggio a Trento nell’ambito del festival “Siamo Europa”.

Ben quattro gli appuntamenti della “Primavera dell’Europa” nella settimana successiva, in questo caso rivolti esclusivamente al mondo scolastico: mercoledì 27 marzo doppio incontro per “#stavolta voto” al Liceo artistico”Vittoria” e al Liceo musicale “Bonporti” di Trento, mentre giovedì 28 marzo, sempre nel capoluogo, sarà il turno del Liceo linguistico “Scholl”, nel corso dell’assemblea di istituto.

La conclusione venerdì 29 marzo all’Istituto agrario di San Michele all’Adige con la partecipazione all’”Orientaday” presentando le opportunità che l’UE mette a disposizione dei giovani.

E così terminerà marzo, ma anche aprile non sarà da meno con la terza fase di “176 volte Europa”, appuntamenti nelle scuole, con i giovani e con gli anziani, prima di arrivare a “Siamo Europa” di inizio maggio… ma di questo ne riparleremo.

Tags: Europa, scuola, euandme


Potrebbe interessarti