Giovedì, 09 Dicembre 2021

Agricoltura: entra in vigore la nuova politica agricola comune

Gli Stati membri hanno tempo fino al 31 dicembre 2021 per i propri piani strategici

I nuovi regolamenti sulla politica agricola comune che costituiscono gli atti di base, sono stati
pubblicati il 6 dicembre nella Gazzetta ufficiale. Il 25 giugno il Parlamento europeo e il Consiglio
hanno raggiunto un accordo politico che introduce una politica agricola comune (PAC) più equa,
più verde, più rispettosa del benessere degli animali e più flessibile. La nuova PAC prevede
obiettivi ambientali e climatici più ambiziosi, in linea con il Green Deal, e una distribuzione più
equa del sostegno, in particolare per le piccole e medie aziende agricole a conduzione familiare e
per i giovani agricoltori.
Il Parlamento europeo e il Consiglio hanno votato a favore dei nuovi regolamenti rispettivamente il
23 novembre e il 2 dicembre 2021. Per quanto riguarda le prossime fasi, è attualmente in fase di
preparazione il cosiddetto diritto derivato, che descrive in dettaglio l'attuazione della nuova PAC.
Le norme attuative più urgenti saranno adottate dalla Commissione entro la fine dell'anno, mentre le
restanti dovrebbero essere adottate nella prima parte del 2022.
Gli Stati membri hanno tempo fino al 31 dicembre 2021 per presentare i piani strategici della PAC.
La Commissione, in seguito, valuterà i piani e trasmetterà agli Stati membri le proprie osservazioni.
La Commissione dispone di un termine di 6 mesi per approvare i piani, eventualmente riveduti dagli
Stati membri, in modo che tali piani si possano applicare dal 1º gennaio 2023, data di entrata in
vigore della nuova PAC a seguito di un periodo transitorio.

Fonte: Ufficio stampa della Rappresentanza in Italia della Commissione europea