Giovedì, 22 Settembre 2022

Indagine Speciale Eurobarometro Sport 2022

Secondo il nuovo Eurobarometro sullo sport e l'attività fisica il 49% degli europei fa esercizio fisico

La Commissione lancia regolarmente uno Speciale Eurobarometro sullo sport – i più recenti risalgono al 2013 e al 2017 – per monitorare le tendenze nella partecipazione allo sport e all'attività fisica, raccogliendo anche dati riguardanti i livelli di attività fisica nell'UE-27 e informazioni sui tipi di contesto nei quali le persone fanno esercizio fisico.

L'attuale Speciale Eurobarometro sullo sport e l'attività fisica si basa sulle risposte a circa 20 domande di 26.580 europei provenienti da tutti i 27 Stati membri. L'indagine illustra le tendenze riguardanti i livelli di partecipazione, le preferenze e gli ostacoli alla pratica dello sport come base per le politiche future. I risultati confluiranno nelle azioni della Commissione volte a promuovere lo sport, l'attività fisica salutare e uno stile di vita sano in tutta Europa.

In vista della Settimana Europea dello Sport (23-30 settembre) la Commissione europea ha pubblicato, il 19 settembre, il quinto Eurobarometro dedicato allo sport e all'attività fisica. Secondo l'indagine il 38% degli europei fa sport o esercizio fisico almeno una volta alla settimana, a fronte di un 17% che lo pratica meno di una volta alla settimana. Attualmente fino al 45% degli europei non fa mai esercizio fisico né partecipa ad attività sportive. Sebbene la situazione risulti stabile rispetto all'Eurobarometro del 2017, è evidente la necessità di continuare a promuovere lo sport e l'attività fisica. L'indagine rivela inoltre che durante la pandemia di COVID-19 la metà degli europei ha ridotto il livello di attività fisica o ha addirittura smesso di svolgerla.

Tra gli intervistati sono più spesso quelli di età compresa tra i 15 e i 24 anni a fare esercizio fisico o praticare sport con una certa regolarità (il 54%). Questa percentuale diminuisce con l'avanzare dell'età: dal 42% nella fascia d'età tra i 25 e i 39 anni al 32% tra i 40 e i 54 anni fino a scendere al 21% tra le persone dai 55 anni in su. Nel complesso l'Eurobarometro mostra che gli intervistati che svolgono regolarmente attività fisica per motivi ricreativi o non sportivi non costituiscono la maggioranza in nessuno Stato membro dell'UE.

Secondo gli intervistati l'ostacolo principale alla pratica di attività fisica è la mancanza di tempo, seguita da una mancanza di motivazione o semplicemente dall'assenza di interesse per lo sport. In risposta, la campagna della Commissione HealthyLifeStyle4All (Uno stile di vita sano per tutti) continuerà a portare avanti la sensibilizzazione sull'importanza di uno stile di vita sano per tutte le generazioni e i gruppi sociali.

Dall'indagine emerge che la ragione principale per cui si svolge attività fisica è la volontà di migliorare la propria salute, seguita dal desiderio di sentirsi più in forma e di trovare metodi di rilassamento. Ogni anno la Commissione promuove i benefici dello sport per il benessere fisico e mentale durante la Settimana europea dello sport. La metà degli intervistati ha inoltre espresso il desiderio di fare esercizio fisico all'aperto, un desiderio che è sostenuto dagli sforzi della Commissione volti a rendere lo sport e l'attività fisica più verdi e sostenibili. Un nuovo sviluppo, forse rafforzato dalla pandemia di COVID-19, consiste nel fatto che circa un terzo dei rispondenti preferisce praticare sport a casa propria.

Infine, l'importanza dell'impegno della Commissione nel migliorare la parità di genere nello sport è fortemente suffragata dai risultati dell'Eurobarometro: rimane infatti a favore degli uomini il divario di genere tra coloro che fanno esercizio fisico regolarmente. In questo contesto è incoraggiante apprendere che la maggioranza degli intervistati in 25 Stati membri dell'UE dichiara di seguire nei media le competizioni sportive maschili e quelle femminili con uguale interesse.

Fonte: Ufficio stampa della Rappresentanza in Italia della Commissione europea

Immagine: EC