Giovedì, 22 Luglio 2021

Nuove consultazioni pubbliche europee

Le consultazioni pubbliche promosse dalla Commissione europea hanno la finalità di coinvolgere i cittadini europei sulle politiche e le normative dell'Unione Europea.

Alle consultazioni possono partecipare tutti: governi, istituzioni, organizzazioni della società civile, operatori economici, associazioni di categoria, ordini professionali ed esperti del settore.

Uno dei temi sui quali i cittadini europei sono chiamati a dare un parere è la lotta alla criminalità organizzata. La criminalità organizzata rappresenta una minaccia per i cittadini, imprese, istituzioni pubbliche, nonché per l’economia nel suo complesso.

La seconda consultazione riguarda i prodotti agricoli e la loro commercializzazione all’interno del territorio europeo. In questo caso si cerca di raccogliere pareri sull’eventuale inclusione di aspetti legati alla sostenibilità nelle norme di commercializzazione.

La terza consultazione invece si occupa dei consumatori, nello specifico cerca di armonizzare le norme di tutela dei consumatori per garantire la libera circolazione dei servizi finanziari.

La quarta riguarda la legge sui dati e la modifica delle norme sulla tutela giuridica delle banche dati. La legge riguarderà la condivisione dei dati tra imprese e pubblica amministrazione, ma anche il miglioramento dei servizi cloud per gli utenti commerciali.

Il quinto tema concerne l’elusione fiscale, nella consultazione si cerca di raccogliere dati e informazioni necessarie per progettare nuove regole per combattere l’abuso di enti di comodo e le modalità di elusione fiscale.

La sesta consultazione ha come obiettivo quello di raccogliere opinioni e pareri per affrontare il problema dell’abbandono dell’istruzione e della formazione. Sempre riguardante l’istruzione e la formazione vi è una consultazione sulla sostenibilità ambientale sulla quale la Commissione europea sta preparando una proposta di raccomandazione.

L’ottava consultazione si occupa di progettazione sostenibile di telefoni cellulari e tablet. Una parte della progettazione consiste in misure di regolamentazione per telefoni cellulari e tablet a norma della direttiva sulla progettazione ecocompatibile.

L’ultimo tema trattato riguarda l’etichettatura energetica di telefoni cellulari e tablet per informare i consumatori sull’impatto ambientale dei dispositivi. L’obiettivo è quello di raccogliere riscontri e opinioni degli interessati per ricavare preferenze relative all’eventuale acquisto, utilizzo e smaltimento di telefoni cellulari e tablet e agli effetti previsti di eventuali misure legislative sulle decisioni degli utenti.

Per scoprire tutte le consultazioni aperte consultate il sito della Commissione europea