Lunedì, 05 Agosto 2019

Le madri fondatrici e i padri fondatori dell’Europa in Vallarsa

Una mostra fotografica proposta dal Museo della Civiltà contadina in collaborazione con gli Europe Direct di Trento e Venezia

Sicuramente avrete sentito citare Konrad Adenauer, Jean Monnet, Robert Schuman e il nostro Alcide De Gasperi quali “padri fondatori” dell’Europa.

In realtà non sono gli unici perché non si possono dimenticare persone come Altiero Spinelli, Joseph Bech, Johan Willelm Beyen, Winston Churchill, Walter Hallstein, Sicco Mansholte Paul-Henri Spaak.

Molto più raramente vi sarà capitato di sentir parlare di alcune donne che si possono considerare a pieno titolo “madri fondatrici” dell’Europa; ecco allora Sofia Corradi, Fausta Deshormes La Valle, Maria De Unterrichter, Ursula Hirschmann, Ada Rossi, Sophie Scholl, Eliane Vogel-Polsky, Louise Weiss e Simone Veil.

A queste donne e a questi uomini, persuasi che i popoli dell’Europa, pur restando fieri della loro identità e della loro storia nazionale, fossero decisi a superare le antiche divisioni e a costruire insieme il loro comune destino, è dedicata la mostra che sarà possibile visitare al Museo della Civiltà contadina di Riva di Vallarsa dal 18 agosto al 7 settembre (dal martedì alla domenica con orario 9-12; 15.30-19).

17 pannelli con disegni, fotografie e testi (in italiano e inglese) che fondono due diversi percorsi espositivi: quello dei “padri fondatori” su documentazione ufficiale della Commissione europea e quello delle “madri fondatrici” su progetto dell'Università La Sapienza di Roma, frutto del lavoro della ricercatrice Maria Pia Di Nonno e vincitore dell’edizione 2017 del premio “Altiero Spinelli”.

La mostra viene proposta Museo della Civiltà contadina di Riva di Vallarsa in collaborazione con gli Europe Direct di Venezia e di Trento.

Europa